Tiscali forum > Tiscali Assistenza > Assistenza amministrativa > Costi di cessazione/migrazione

  # 1 (permalink)  
30-05-12 09:55
L'avatar di Ginkos
Moderatore
 
Registrato al forum dal: 02 11
Messaggi: 1.731
Costi di cessazione/migrazione
Visti i numerosi post e discussioni su questo argomento,
riporto queste note a chiarimento della legittimità dei costi di migrazione/cessazione applicati dai gestori, nel nostro caso da Tiscali.



************************************************** ********
1. La Legge n. 40/2007 c.d. Bersani stabilisce che nel settore delle comunicazioni elettroniche gli utenti possono recedere dai contratti senza vincoli temporali e con le sole eventuali spesa giustificate dai costi affrontati dall’operatore.

Si veda a tal riguardo, l’art. 1 comma 3 della legge: “I contratti per adesione stipulati con operatori di telefonia e di reti televisive e di comunicazione elettronica, indipendentemente dalla tecnologia utilizzata, devono prevedere la facoltà del contraente di recedere dal contratto o di trasferire le utenze presso altro operatore senza vincoli temporali o ritardi non giustificati e senza spese non giustificate da costi dell'operatore e non possono imporre un obbligo di preavviso superiore a trenta giorni”.

2. AGcom, nelle sue “Linee guida della direzione tutela dei consumatori esplicative per l’attività di vigilanza da effettuare ai sensi dell’art. 1, comma 4, della legge n. 40/2007” chiarisce a tal riguardo che l’utente ha diritto ad un’informazione trasparente circa l’ammontare delle eventuali spese di recesso nei documenti contrattuali e che le spese devono essere giustificate. Su quest’ultimo punto è bene sottolineare che la verifica della pertinenza è effettuata dall’AGcom stessa ed è pertanto ad essa che noi siamo tenuti a dare piena evidenza dei costi sostenuti per il recesso. E’ l’attività di vigilanza svolta dall’AGcom che assicura l’utente che i costi di recesso applicati corrispondano ai costi sostenuti dall’operatore. I costi di recesso che applichiamo, infatti, sono stati verificati dall’AGCom.

Si veda a tal riguardo il par. 6 delle Linee guida:
“1. Dalla semplice lettura del contratto l’utente deve poter conoscere anche le eventuali spese richieste per l’esercizio della facoltà di recesso o di trasferimento, così da essere agevolato nell’esercizio di tali facoltà, potendone valutare le conseguenze sotto ogni profilo. 2.In ogni caso, l’utente non deve versare alcuna “penale”, comunque denominata, a fronte dell’esercizio della facoltà di recesso o di trasferimento delle utenze, poiché gli unici importi ammessi in caso di recesso sono quelli “giustificati” da “costi” degli operatori.3. Nello svolgimento della propria attività, pertanto, la Direzione verificherà che gli operatori pongano a carico degli utenti (ove necessario) esclusivamente le spese per cui sia dimostrabile un pertinente e correlato costo dai primi sopportato per procedere alla disattivazione o al trasferimento.”

3. In caso di migrazione, le disposizioni AGCom prevedono che, dal momento che i costi da corrispondere a Telecom sono sostenuti dal recipient, il donating non possa pretendere dal proprio cliente il pagamento di una voce di costo a tale titolo. Le norme cioè, applicando il principio di pertinenza, indicano semplicemente che tra i costi che il donating può applicare a titolo di costi di recesso nel caso di migrazione OLO to OLO (cioè da un operatroe alternativo ad un altro) non vi possono essere quelli corrisposti a TI per la migrazione (costi wholesale) perché di fatto non li paga lui ma il recipient . Non è statuito quindi che il donating non possa applicare nessun costo! Come infatti è chiarito dalla stessa AGCom nel “Manuale per gli utenti sui diritti dei consumatori” (pagg. 78) non esiste un elenco tassativo, generale, unico per tutti gli operatori dei costi sostenuti per la lavorazione dei recessi: di essi i costi wholesale ne rappresentano una componente.


4. In conclusione, quando un cliente intende recedere da un contratto, sia che si tratti di una cessazione che di una migrazione, può essere tenuto al pagamento dei costi che l’operatore sostiene a tal fine. Proprio perché il criterio di individuazione dei costi che l’operatore può legittimamente richiedere al cliente è quello della pertinenza i costi possono differenziarsi in caso di migrazione o cessazione (ad es. perché le attività sottostanti che l’operatore deve porre in essere sono diverse) o a seconda del servizio fornito e/o della tecnologia con cui viene erogato. Infatti i costi che noi applichiamo (vedi tabella disponibile al link: Tiscali Assistenza - La disattivazione dei servizi Tiscali )sono differenziati per servizio, tecnologia e tipo di recesso.

5. Gli obblighi cui come operatori dobbiamo rispettare in tema di costi di recesso sono (i) fornire un’adeguata informazione circa i costi applicati in caso di recesso nei documenti contrattuali e (ii) applicare costi giustificati.

6. Tutti i costi che noi applichiamo, e che sono contenuti nella tabella di cui sopra, vengono costantemente sottoposti ad uno scrupoloso procedimento di verifica da parte di AGcom che valuta che questi costi possano essere effettivamente giustificati dalle attività sottostanti e non fossero al contrario degli oneri imposti al cliente a mo di penale per il recesso (in osservanza dello spirito della legge Bersani).
**************************************************
Discussione chiusa
Regole d'invio
BB code è attivo
Le smilies sono attive
Il codice IMG è attivo

© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali