Tiscali forum > 10 domande a... > 10 domande a Giovanni Floris > Invia e/o vota le 10 domande migliori!

Visualizza i risultati del sondaggio: Vota le migliori domande
tommaso10: Cosa ne pensa della ultradecennale violazione da parte dell'accoppiata magistratura/stampa dell'articolo 111 della Costituzione in cui si legge: "...la legge assicura che la persona accusata di un reato sia, nel più breve tempo possibile, informata riservatamente della natura e dei motivi dell'accusa elevata a suo carico..." ? 71 9,99%
mazzigian: Perché, con la Legge Bavaglio, oggi i media si sentono privati del diritto alla libertà di informazione, se quel diritto non lo hanno mai esercitato tacendo spesso tutta una serie di argomenti tabù? 60 8,44%
obyvatel: Qual è il futuro per il citizen reporter? C'è spazio per le informazioni condivise? La voce dei consumatori interessa ancora? 59 8,30%
federico75: Si parla di legge bavaglio, sui quotidiani ed in tv si ricevono solo commenti e pareri politici, chi a favore chi contrario, come al solito, ma nessuno che spiega bene e in maniera semplice cosa prevede il decreto legge che stanno approvando in parlamento. Un decreto che si dovrebbe occupare di informazione, non arriva ai cittadini. Io non ho ancora capito bene quali sono i dettagli di questo decreto, anche su internet se si fa una ricerca non si trova il testo o una spiegazione del testo. L'ennesimo esempio italiano di disinformazione, questa volta però da una legge che tratta l'informazione! Chi dovrebbe informare i cittadini? Cosa ne pensi Giovanni, grazie 58 8,16%
SabriKavcic: Secondo lei ha senso che la Sinistra accusi Silvio Berlusconi di voler limitare la libertà di informazione? Non dovrebbe forse ricordare che ha avuto due governi per avallare la famosa legge sul "conflitto di interessi" e non lo ha mai fatto? E soprattutto: siamo sicuri che i giornali di Sinistra siano veramente "liberi"??? 48 6,75%
Pasionaria09: Il conduttore di un dibattito politico, come può essere Ballarò, non dovrebbe essere soltanto un "moderatore" anziché far trasparire quali sono le sue effettive preferenze di schieramento? 45 6,33%
zicchirria: Non credi che senza la presenza di questo berlusconi come alternativa alla sinistra l'informazione sarebbe sbilanciata a favore di quest'ultima? 31 4,36%
federico75: Per dare un'alternativa all'informazione che scende dall'alto, pensi che abbia senso ignorare le informazioni pilotate e (per gli imprenditori) disinvestire in pubblciità sui media pilotati? 30 4,22%
simplo: Nelle tue trasmissioni, riesci sempre a trattare gli argomenti che desideri o, talvolta, devi necessariamente scendere a compromessi? 27 3,80%
SaSallusti: Perché ci si scandalizza tanto della Legge Bavaglio quando gli investitori pubblicitari decidono da anni i contenuti di quasi tutti i giornali e programmi di informazione... perché non ci si è mai scandalizzati in quel caso? 23 3,23%
mik: Credi che si possa trovare un equilibrio tra la libertà di informazione e la giusta informazione? 23 3,23%
belisala: Quanto il conflitto di interessi incide sulla libertà di stampa? 22 3,09%
danilodonati: Qual e' secondo te il peso sulla pluralita' di informazione da parte di trasmissioni come Ballarò e Anno Zero? 21 2,95%
GiulianoDonati: Quali sono gli specifici parametri di valutazione del fatto che la libertà di stampa in Italia è tra le più basse del mondo? 19 2,67%
marcolituri: Il concetto di "Libertà d'Informazione" è senz'altro condivisibile ed è indispensabile difenderlo con tutte le forze… Ma non credi che la "cattiva informazione", invece, debba essere necessariamente limitata (se non rimossa del tutto)? 18 2,53%
vitadisperata: Franco Cordero, Stefano Rodotà e Gustavo Zagrebelsky denunciano “un tentativo di ridurre al silenzio la libera stampa, di anestetizzare l’opinione pubblica, di isolarci dalla circolazione internazionale delle informazioni, in definitiva di fare del nostro Paese un’eccezione della democrazia”, sei d'accordo con loro o ritieni che in Italia non si possano correre simili rischi? 17 2,39%
samsam1985: Vista l'evoluzione dei tempi e della professione, ha ancora senso aspirare a fare il giornalista in Italia? Ed è meglio puntare su talento e passione o su una rete di contatti e conoscenze? 15 2,11%
vulgus2009: Ha ancora senso la frase "Libertà d'Informazione" in un mondo in cui i destini sono decisi da entità vaghe e indefinite ("Mercati", "Poteri forti" ecc.), e come si può ancora esercitarlo? 14 1,97%
SSSergio: Ricordi esattamente quando c'è stata davvero libertà d'informazione nella storia d'italia? e cosa ha provocato la situazione in cui ci troviamo oggi? 12 1,69%
riccardomureddu79: Il lavoro degli addetti ai lavori del mondo dell'informazione dovrebbe essere quello di verificare ciò che viene detto in tv o nei giornali, per il semplice fatto che libertà di informazione è sinonimo di informazione reale ed oggettiva. Come mai, nei programmi televisivi quando i politici rilasciano delle dichiarazioni le stesse non vengono mai (a dovere) raffrontate ad affermazioni fatte in precedenza, magari completamente discordanti? 12 1,69%
Oi: Se nel 2010 è possibile che questa legge venga approvata non sarà forse colpa di chi fino a oggi ha gestito o tacitamente accettato l’italica gerarchia delle informazioni che contraddistingue da troppo tempo i nostri organi di stampa? Infondo, con la legge così detta bavaglio, la nazionale italiana di calcio che non passa agli ottavi dei mondiali non vede scalfito il suo posto in primo piano tra le notizie importanti... Idem la cronaca nera con tanto di dettagli macabri sull’ultima efferata strage familiare o l’ultima statistica su quanto dura un rapporto sessuale medio nei vari paesi europei o l’apertura dell’ultimo raffinatissimo ristorante per i nostri amici cani e gatti. Insomma, in fin dei conti, chi si accorgerà della differenza? 12 1,69%
ko: Si parla da più parti di “nuovi paradisi della libertà di espressione”. Un esempio per tutti è la cosiddetta “legge SBAVAGLIO” islandese (sarà un modo per farsi perdonare il caos scatenato della nube vulcanica?) Ovviamente il movente è sempre economico: attirare nel proprio paese gli investimenti dei media digitali. Ma se la nuova evasione dell’informazione dovesse diventare realtà su larga scala, quali nuovi scenari internazionali si potrebbero aprire? E quale il reale contraccolpo per chi teme questa stessa libertà in Italia? 10 1,41%
vargas56: Un conduttore di programma televisivo e/o radiofonico pubblico che appartiene idealmente a sinistra (non necessariamente con tessera di partito come tutti tengono a precisare ) può argomentare, valutare, esprimere porre delle domande ecc. ed essere super-partes? Per la risposta è necessaria una valutazione morale interiore. Grazie 9 1,27%
giorgiacomo: Steve Jobs ha detto che non vorrebbe vivere in un mondo in cui l'informazione è in mano ai blogger. Che ne pensi? 8 1,13%
VandeRold: Secondo Aristotele ‘POLITICA’ significava: la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano (wikipedia). Dato che i politici sono prigionieri dei LORO schemi, non pensi sia opportuno dare la possibilità anche ai “semplici cittadini” di parlare liberamente di politica e che il contributo dei singoli cittadini alla realtà televisiva possa anche andare oltre l’applauso del pubblico? 7 0,98%
rimecarta: l'art. 21 della costituzione dice che ogni individuo è libero di professare il proprio pensiero, con la parola, con lo scritto e con ogni altro mezzo di comunicazione; le forze dell'ordine, i giudici, parlamentari ecc. giurano fedeltà alla costituzione; la costituzione,quindi, prima di tutto; chi attacca la costituzione italiana non dovrebbe essere perseguito penalmente? Il potere di cui sono investiti i parlamentari non dovrebbe travalicare la nostra costituzione che dovrebbe essere sacra e inviolabile, quando si è presentata la legge si sarebbe dovuto, quindi, procedere penalmente nei confronti di chi la stava proponendo. Se domani qualcuno della maggioranza, investito di potere dal popolo sovrano, proponesse la legge per cui ci si può liberamente ammazzarsi a vicenda e questa dovesse passare le forze dell'ordine e i giudici non dovrebbero tutelarci arrestando chi la propone e chi la vota? Fin dove può arrivare il potere di chi ci amministra? La costituzione posta a nostra tutela non dovrebbe servire proprio per limitarne il potere? 6 0,84%
pierinoCA: Il Paese, non v'è dubbio, è perplesso e si interroga su questa inquitante vicenda delle intercettazioni. E si divide! Tra i (pochi) sostenitori del provvedimento io credo che molti siano coloro i quali - in buona fede - temono gli abusi e temono di potersi ritrovare, un giorno, cittadini di un Paese di intercettati. Ovviamente non è così ma CHE COSA RISPONDIAMO A QUESTI INDECISI CITTADINI PER TRANQUILLIZZARLI ? Grazie. 5 0,70%
filieri72: Secondo lei, qual è la ricetta più adatta perchè il telespettatore possa vedere un'informazione più libera, imparziale ed obiettiva, soprattutto per quanto riguarda la RAI, vero e proprio e, forse, unico patrimonio cultutale italiano? 5 0,70%
SonoValentina: Come spiegheresti il tema della Libertà di Informazione a dei bambini, per sensibilizzarli a questo tema così delicato ma anche così importante? 5 0,70%
Sciupafemmine: Non pensi che con la giustificazione della sicurezza dello Stato, anche Obama (che intende bloccare qualsiasi attività informativa sul Web per 4 settimane) si muova nella stessa direzione della Legge Bavaglio in Italia? 5 0,70%
sciupato: Visto che il problema principale su questo tema è la pubblicazione non autorizzata delle intercettazioni, non sarebbe semplice condannare pesantemente l'autore delle illecite pubblicazioni, e cioè il giornale, con la chiusura o una pena pecuniaria di, diciamo, 10.000.000,00 euro (lo so, in Italia sembra assurdo...) e aumentare le intercettazioni (io per esempio non avrei nessun problema ad essere ascoltato al telefono perchè IO non ho nulla da nascondere) in modo da scovare sempre più illeciti? Io penso che, purtroppo, in Italia ci sono più persone che hanno una privacy "sporca", non solo la "classe dirigente" ed è per questo che la legge passerà e nessuno la potrà fermare. 4 0,56%
sita77: L'informazione è manipolata in modo direttamente proporzionale alla distanza delle "idee politiche" di appartenenza del giornalista e/o della sua testata e/o della sua rete? E l'articolo 21 della Costituzione? In che modo può difendersi un cittadino semplice? Come può godere di un'informazione completa, oggettiva e trasparente? 3 0,42%
MeLiSsAbOsIo: Perché si parla di "violazione della privacy" anche quando si diffondono notizie su relazioni intime e preferenze sessuali che i personaggi di turno manifestano apertamente in luoghi pubblici (p.es.: discoteche, per strada ecc.)? 3 0,42%
LucioAmneo: Se la notizia non ha opinione, perché un giornalista deve avere una opinione pubblica? 2 0,28%
LucioAmneo: Per un direttore del giornale, quanto pesa una notizia rispetto l'indirizzo politico dei propri lettori? 1 0,14%
ilarialochi: Recentemente ho sentito alla radio un'affermazione sul fatto che la stampa italiana è sempre stata legata in primis agli interessi editoriali, eccetto Scalfari, ed ecco perchè in Italia per avere un'informazione quasi completa bisogna leggere più giornali di diversi editori, ed ecco perchè le notizie in televisione hanno la meglio sui giornali, con le conseguenze che conosciamo a livello culturale. Mi piacerebbe sentire cosa ne pensa e se esiste davvero questa differenza tra la stampa italiana e estera, in positivo o in negativo? 1 0,14%
spranto: stiamo affogando sotto una quantità abnorme di parole conflittuali, all' interno della maggioranza o con l opposizione ma la situazione reale peggiora di giorno in giorno. secondo lei potremmo fare la fine della Grecia mentre questi politici che indegnamente ci rappresentano si fanno i loro comodi? vede una via d' uscita ad una situazione economica, istituzionale e civile che sembrano degenerare incontrastate? se sì quale? saremo capaci noi Italiani di dare un colpo di reni per tirarci fuori da un corso di eventi che oramai non ci appartiene? 0 0%
Totale voti: 711. Questo sondaggio è stato chiuso

 
24-06-10 10:03
Redazione Tiscali
 
Registrato al forum dal: 06 10
Messaggi: 4
Invia e/o vota le 10 domande migliori!
Giovanni Floris
Nato a Roma il 27 dicembre 1967, giornalista e scrittore italiano.
È noto al grande pubblico per la conduzione del talk-show d'attualità politica ed economica Ballarò.

Giovanni Floris ha risposto ad alcune delle 10 domande più votate, fra tutte quelle da voi proposte, sul tema della libertà di informazione in Italia, domenica 4 luglio alle ore 19, in diretta streaming dal Festival Letterario di Gavoi.

Leggi il resoconto delle risposte di Floris.

Segui il video con l'intervista completa.

Visualizza i risultati del sondaggio: Vota le migliori domande
tommaso10: Cosa ne pensa della ultradecennale violazione da parte dell'accoppiata magistratura/stampa dell'articolo 111 della Costituzione in cui si legge: "...la legge assicura che la persona accusata di un reato sia, nel più breve tempo possibile, informata riservatamente della natura e dei motivi dell'accusa elevata a suo carico..." ? 71 9,99%
mazzigian: Perché, con la Legge Bavaglio, oggi i media si sentono privati del diritto alla libertà di informazione, se quel diritto non lo hanno mai esercitato tacendo spesso tutta una serie di argomenti tabù? 60 8,44%
obyvatel: Qual è il futuro per il citizen reporter? C'è spazio per le informazioni condivise? La voce dei consumatori interessa ancora? 59 8,30%
federico75: Si parla di legge bavaglio, sui quotidiani ed in tv si ricevono solo commenti e pareri politici, chi a favore chi contrario, come al solito, ma nessuno che spiega bene e in maniera semplice cosa prevede il decreto legge che stanno approvando in parlamento. Un decreto che si dovrebbe occupare di informazione, non arriva ai cittadini. Io non ho ancora capito bene quali sono i dettagli di questo decreto, anche su internet se si fa una ricerca non si trova il testo o una spiegazione del testo. L'ennesimo esempio italiano di disinformazione, questa volta però da una legge che tratta l'informazione! Chi dovrebbe informare i cittadini? Cosa ne pensi Giovanni, grazie 58 8,16%
SabriKavcic: Secondo lei ha senso che la Sinistra accusi Silvio Berlusconi di voler limitare la libertà di informazione? Non dovrebbe forse ricordare che ha avuto due governi per avallare la famosa legge sul "conflitto di interessi" e non lo ha mai fatto? E soprattutto: siamo sicuri che i giornali di Sinistra siano veramente "liberi"??? 48 6,75%
Pasionaria09: Il conduttore di un dibattito politico, come può essere Ballarò, non dovrebbe essere soltanto un "moderatore" anziché far trasparire quali sono le sue effettive preferenze di schieramento? 45 6,33%
zicchirria: Non credi che senza la presenza di questo berlusconi come alternativa alla sinistra l'informazione sarebbe sbilanciata a favore di quest'ultima? 31 4,36%
federico75: Per dare un'alternativa all'informazione che scende dall'alto, pensi che abbia senso ignorare le informazioni pilotate e (per gli imprenditori) disinvestire in pubblciità sui media pilotati? 30 4,22%
simplo: Nelle tue trasmissioni, riesci sempre a trattare gli argomenti che desideri o, talvolta, devi necessariamente scendere a compromessi? 27 3,80%
SaSallusti: Perché ci si scandalizza tanto della Legge Bavaglio quando gli investitori pubblicitari decidono da anni i contenuti di quasi tutti i giornali e programmi di informazione... perché non ci si è mai scandalizzati in quel caso? 23 3,23%
mik: Credi che si possa trovare un equilibrio tra la libertà di informazione e la giusta informazione? 23 3,23%
belisala: Quanto il conflitto di interessi incide sulla libertà di stampa? 22 3,09%
danilodonati: Qual e' secondo te il peso sulla pluralita' di informazione da parte di trasmissioni come Ballarò e Anno Zero? 21 2,95%
GiulianoDonati: Quali sono gli specifici parametri di valutazione del fatto che la libertà di stampa in Italia è tra le più basse del mondo? 19 2,67%
marcolituri: Il concetto di "Libertà d'Informazione" è senz'altro condivisibile ed è indispensabile difenderlo con tutte le forze… Ma non credi che la "cattiva informazione", invece, debba essere necessariamente limitata (se non rimossa del tutto)? 18 2,53%
vitadisperata: Franco Cordero, Stefano Rodotà e Gustavo Zagrebelsky denunciano “un tentativo di ridurre al silenzio la libera stampa, di anestetizzare l’opinione pubblica, di isolarci dalla circolazione internazionale delle informazioni, in definitiva di fare del nostro Paese un’eccezione della democrazia”, sei d'accordo con loro o ritieni che in Italia non si possano correre simili rischi? 17 2,39%
samsam1985: Vista l'evoluzione dei tempi e della professione, ha ancora senso aspirare a fare il giornalista in Italia? Ed è meglio puntare su talento e passione o su una rete di contatti e conoscenze? 15 2,11%
vulgus2009: Ha ancora senso la frase "Libertà d'Informazione" in un mondo in cui i destini sono decisi da entità vaghe e indefinite ("Mercati", "Poteri forti" ecc.), e come si può ancora esercitarlo? 14 1,97%
SSSergio: Ricordi esattamente quando c'è stata davvero libertà d'informazione nella storia d'italia? e cosa ha provocato la situazione in cui ci troviamo oggi? 12 1,69%
riccardomureddu79: Il lavoro degli addetti ai lavori del mondo dell'informazione dovrebbe essere quello di verificare ciò che viene detto in tv o nei giornali, per il semplice fatto che libertà di informazione è sinonimo di informazione reale ed oggettiva. Come mai, nei programmi televisivi quando i politici rilasciano delle dichiarazioni le stesse non vengono mai (a dovere) raffrontate ad affermazioni fatte in precedenza, magari completamente discordanti? 12 1,69%
Oi: Se nel 2010 è possibile che questa legge venga approvata non sarà forse colpa di chi fino a oggi ha gestito o tacitamente accettato l’italica gerarchia delle informazioni che contraddistingue da troppo tempo i nostri organi di stampa? Infondo, con la legge così detta bavaglio, la nazionale italiana di calcio che non passa agli ottavi dei mondiali non vede scalfito il suo posto in primo piano tra le notizie importanti... Idem la cronaca nera con tanto di dettagli macabri sull’ultima efferata strage familiare o l’ultima statistica su quanto dura un rapporto sessuale medio nei vari paesi europei o l’apertura dell’ultimo raffinatissimo ristorante per i nostri amici cani e gatti. Insomma, in fin dei conti, chi si accorgerà della differenza? 12 1,69%
ko: Si parla da più parti di “nuovi paradisi della libertà di espressione”. Un esempio per tutti è la cosiddetta “legge SBAVAGLIO” islandese (sarà un modo per farsi perdonare il caos scatenato della nube vulcanica?) Ovviamente il movente è sempre economico: attirare nel proprio paese gli investimenti dei media digitali. Ma se la nuova evasione dell’informazione dovesse diventare realtà su larga scala, quali nuovi scenari internazionali si potrebbero aprire? E quale il reale contraccolpo per chi teme questa stessa libertà in Italia? 10 1,41%
vargas56: Un conduttore di programma televisivo e/o radiofonico pubblico che appartiene idealmente a sinistra (non necessariamente con tessera di partito come tutti tengono a precisare ) può argomentare, valutare, esprimere porre delle domande ecc. ed essere super-partes? Per la risposta è necessaria una valutazione morale interiore. Grazie 9 1,27%
giorgiacomo: Steve Jobs ha detto che non vorrebbe vivere in un mondo in cui l'informazione è in mano ai blogger. Che ne pensi? 8 1,13%
VandeRold: Secondo Aristotele ‘POLITICA’ significava: la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano (wikipedia). Dato che i politici sono prigionieri dei LORO schemi, non pensi sia opportuno dare la possibilità anche ai “semplici cittadini” di parlare liberamente di politica e che il contributo dei singoli cittadini alla realtà televisiva possa anche andare oltre l’applauso del pubblico? 7 0,98%
rimecarta: l'art. 21 della costituzione dice che ogni individuo è libero di professare il proprio pensiero, con la parola, con lo scritto e con ogni altro mezzo di comunicazione; le forze dell'ordine, i giudici, parlamentari ecc. giurano fedeltà alla costituzione; la costituzione,quindi, prima di tutto; chi attacca la costituzione italiana non dovrebbe essere perseguito penalmente? Il potere di cui sono investiti i parlamentari non dovrebbe travalicare la nostra costituzione che dovrebbe essere sacra e inviolabile, quando si è presentata la legge si sarebbe dovuto, quindi, procedere penalmente nei confronti di chi la stava proponendo. Se domani qualcuno della maggioranza, investito di potere dal popolo sovrano, proponesse la legge per cui ci si può liberamente ammazzarsi a vicenda e questa dovesse passare le forze dell'ordine e i giudici non dovrebbero tutelarci arrestando chi la propone e chi la vota? Fin dove può arrivare il potere di chi ci amministra? La costituzione posta a nostra tutela non dovrebbe servire proprio per limitarne il potere? 6 0,84%
pierinoCA: Il Paese, non v'è dubbio, è perplesso e si interroga su questa inquitante vicenda delle intercettazioni. E si divide! Tra i (pochi) sostenitori del provvedimento io credo che molti siano coloro i quali - in buona fede - temono gli abusi e temono di potersi ritrovare, un giorno, cittadini di un Paese di intercettati. Ovviamente non è così ma CHE COSA RISPONDIAMO A QUESTI INDECISI CITTADINI PER TRANQUILLIZZARLI ? Grazie. 5 0,70%
filieri72: Secondo lei, qual è la ricetta più adatta perchè il telespettatore possa vedere un'informazione più libera, imparziale ed obiettiva, soprattutto per quanto riguarda la RAI, vero e proprio e, forse, unico patrimonio cultutale italiano? 5 0,70%
SonoValentina: Come spiegheresti il tema della Libertà di Informazione a dei bambini, per sensibilizzarli a questo tema così delicato ma anche così importante? 5 0,70%
Sciupafemmine: Non pensi che con la giustificazione della sicurezza dello Stato, anche Obama (che intende bloccare qualsiasi attività informativa sul Web per 4 settimane) si muova nella stessa direzione della Legge Bavaglio in Italia? 5 0,70%
sciupato: Visto che il problema principale su questo tema è la pubblicazione non autorizzata delle intercettazioni, non sarebbe semplice condannare pesantemente l'autore delle illecite pubblicazioni, e cioè il giornale, con la chiusura o una pena pecuniaria di, diciamo, 10.000.000,00 euro (lo so, in Italia sembra assurdo...) e aumentare le intercettazioni (io per esempio non avrei nessun problema ad essere ascoltato al telefono perchè IO non ho nulla da nascondere) in modo da scovare sempre più illeciti? Io penso che, purtroppo, in Italia ci sono più persone che hanno una privacy "sporca", non solo la "classe dirigente" ed è per questo che la legge passerà e nessuno la potrà fermare. 4 0,56%
sita77: L'informazione è manipolata in modo direttamente proporzionale alla distanza delle "idee politiche" di appartenenza del giornalista e/o della sua testata e/o della sua rete? E l'articolo 21 della Costituzione? In che modo può difendersi un cittadino semplice? Come può godere di un'informazione completa, oggettiva e trasparente? 3 0,42%
MeLiSsAbOsIo: Perché si parla di "violazione della privacy" anche quando si diffondono notizie su relazioni intime e preferenze sessuali che i personaggi di turno manifestano apertamente in luoghi pubblici (p.es.: discoteche, per strada ecc.)? 3 0,42%
LucioAmneo: Se la notizia non ha opinione, perché un giornalista deve avere una opinione pubblica? 2 0,28%
LucioAmneo: Per un direttore del giornale, quanto pesa una notizia rispetto l'indirizzo politico dei propri lettori? 1 0,14%
ilarialochi: Recentemente ho sentito alla radio un'affermazione sul fatto che la stampa italiana è sempre stata legata in primis agli interessi editoriali, eccetto Scalfari, ed ecco perchè in Italia per avere un'informazione quasi completa bisogna leggere più giornali di diversi editori, ed ecco perchè le notizie in televisione hanno la meglio sui giornali, con le conseguenze che conosciamo a livello culturale. Mi piacerebbe sentire cosa ne pensa e se esiste davvero questa differenza tra la stampa italiana e estera, in positivo o in negativo? 1 0,14%
spranto: stiamo affogando sotto una quantità abnorme di parole conflittuali, all' interno della maggioranza o con l opposizione ma la situazione reale peggiora di giorno in giorno. secondo lei potremmo fare la fine della Grecia mentre questi politici che indegnamente ci rappresentano si fanno i loro comodi? vede una via d' uscita ad una situazione economica, istituzionale e civile che sembrano degenerare incontrastate? se sì quale? saremo capaci noi Italiani di dare un colpo di reni per tirarci fuori da un corso di eventi che oramai non ci appartiene? 0 0%
Totale voti: 711. Questo sondaggio è stato chiuso

  # 1 (permalink)  
24-06-10 17:17
Member
 
Registrato al forum dal: 12 07
Messaggi: 45
Re: Invia e/o vota le 10 domande migliori!
Come colleghi gli eventi legati alle recenti elezioni regionali in Sardegna alla mancanza di libertà di informazione? In Sardegna si soffre molto il dominio di pochi.
  # 2 (permalink)  
25-06-10 17:43
L'avatar di lucign0lo
Senior Member
 
Registrato al forum dal: 10 07
ubicazione: Milano
Messaggi: 336
Re: Invia e/o vota le 10 domande migliori!
Gioco della torre: chi butteresti giù (uno solo) dalla torre tra Silvio Berlusconi, Bruno Vespa e Maurizio Gasparri.
  # 3 (permalink)  
28-06-10 12:33
mik
Junior Member
 
Registrato al forum dal: 06 10
Messaggi: 1
Re: Invia e/o vota le 10 domande migliori!
Ciao Giovanni,
credo che la libertà di informazione sia sacrosanta, ma anche per esperienza personale, leggo spesso bugie, vedo media che distruggono vite e sparano a zero su persone che magari tutte le colpe non hanno e forniscono comunque una loro verità che non è però la verità. Credi che si possa trovare un equilibrio tra la libertà di informazione e la giusta informazione?
  # 4 (permalink)  
28-06-10 12:48
L'avatar di Simplo
Administrator
 
Registrato al forum dal: 08 07
Messaggi: 566
Re: Invia e/o vota le 10 domande migliori!
Nelle tue trasmissioni, riesci sempre a trattare gli argomenti che desideri o, talvolta, devi necessariamente scendere a compromessi?
__________________
- Simplo
  # 5 (permalink)  
28-06-10 13:58
ko
Junior Member
 
Registrato al forum dal: 06 10
Messaggi: 1
Re: Invia e/o vota le 10 domande migliori!
Si parla da più parti di “nuovi paradisi della libertà di espressione”. Un esempio per tutti è la cosiddetta “legge SBAVAGLIO” islandese (sarà un modo per farsi perdonare il caos scatenato della nube vulcanica?) Ovviamente il movente è sempre economico: attirare nel proprio paese gli investimenti dei media digitali. Ma se la nuova evasione dell’informazione dovesse diventare realtà su larga scala, quali nuovi scenari internazionali si potrebbero aprire? E quale il reale contraccolpo per chi teme questa stessa libertà in Italia?
  # 6 (permalink)  
28-06-10 14:34
Junior Member
 
Registrato al forum dal: 06 10
Messaggi: 1
Re: Invia e/o vota le 10 domande migliori!
Ciao Giovanni, quando si dice che l'Italia è tra i Paesi con la più bassa libertà di stampa del mondo cosa si intende esattamente? Quali sono gli specifici parametri di valutazione di questa affermazione?

Grazie anticipatamente,
Giuliano
  # 7 (permalink)  
28-06-10 15:22
Oi
Junior Member
 
Registrato al forum dal: 06 10
Messaggi: 1
Re: Invia e/o vota le 10 domande migliori!
Se nel 2010 è possibile che questa legge venga approvata non sarà forse colpa di chi fino a oggi ha gestito o tacitamente accettato l’italica gerarchia delle informazioni che contraddistingue da troppo tempo i nostri organi di stampa? Infondo, con la legge così detta bavaglio, la nazionale italiana di calcio che non passa agli ottavi dei mondiali non vede scalfito il suo posto in primo piano tra le notizie importanti... Idem la cronaca nera con tanto di dettagli macabri sull’ultima efferata strage familiare o l’ultima statistica su quanto dura un rapporto sessuale medio nei vari paesi europei o l’apertura dell’ultimo raffinatissimo ristorante per i nostri amici cani e gatti. Insomma, in fin dei conti, chi si accorgerà della differenza?
  # 8 (permalink)  
28-06-10 15:36
Junior Member
 
Registrato al forum dal: 06 10
Messaggi: 1
Re: Invia e/o vota le 10 domande migliori!
Di tt i politici ke hai ospitato nella tua trasmissione, ki è stato il + simpatiko e ki il + antipatiko?
  # 9 (permalink)  
28-06-10 16:03
L'avatar di lucign0lo
Senior Member
 
Registrato al forum dal: 10 07
ubicazione: Milano
Messaggi: 336
Re: Invia e/o vota le 10 domande migliori!
Secondo te in che percentuale incidono sulla liberta' di stampa questi fatti:

1) il presidente del consiglio e' proprietario di un impero multimediale
2) la sinistra italiana attraversa un periodo di profonda debolezza
3) i giornali italiani sono in mano a gruppi di potere che non hanno interesse a un giornalismo di inchiesta e di denuncia
  # 10 (permalink)  
28-06-10 16:07
Junior Member
 
Registrato al forum dal: 12 09
Messaggi: 1
Re: Invia e/o vota le 10 domande migliori!
In tutte le trasmissioni televisive, i giornalisti che difendono il premier sono quelli che afferiscono alle testate edite dal gruppo del premier. Data la concezione della stampa come "quarto potere indipendente", questa situazione è compatibile con una democrazia evoluta? In altre parole, quanto il conflitto di interessi incide sulla libertà di stampa?
Regole d'invio
BB code è attivo
Le smilies sono attive
Il codice IMG è attivo

© Tiscali Italia S.p.A. 2017  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali